Tante Lune Ravenna | Servizio Educativo 0-6
Tante Lune è un ESPLORATORIO creativo, ludico, motorio a Ravenna: un nuovo servizio educativo sperimentale 0-6
asilo, nido, scuola dell'infanzia, babyparking, servizio educativo, 0-6, ravenna
16569
page,page-id-16569,page-template-default,ajax_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-5.7,wpb-js-composer js-comp-ver-4.3.4,vc_responsive
 

Servizio Educativo 0-6

Tante Lune è un servizio educativo sperimentale 0-6 approvato dalla Regione Emilia Romagna.

Sono 23 i servizi sperimentali accettati dal Nucleo di Valutazione della Regione, composto da un equipe di  pedagogisti  con esperienza decennale. Il progetto è  monitorato dalla Regione grazie alla collaborazione del Comune di Ravenna attraverso osservazioni sul campo della pedagogista incaricata, ed è prevista una relazione annuale sull’andamento del progetto.

In cosa consiste la sperimentazione?

La sperimentazione consiste nella proposta di un unico percorso educativo di crescita che accompagna i bambini dai 18 mesi fino ai 6 anni, non è un nido e non è una scuola dell’infanzia, non è nemmeno un polo che accoglie sezioni di nido e infanzia separate, nella nostra realtà i bambini crescono insieme, condividono spazi ed esperienze, creano legami . Nella nostra struttura  è presente un’unica sezione che accoglie un massimo di 17 bambini, le routine sono condivise ma si lavora sugli apprendimenti in gruppi formati in prevalenza in base alle competenze e potenzialità di ciascun bambino. Tanti sono i benefici che i bambini traggono da questo percorso condiviso e co-costruito con le famiglie, la continuità educativa 0/6 permette un cambio di prospettiva proprio perché consente di avere la possibilità e il privilegio di avere tempo. Tempo per conoscersi e costruire relazioni con il bambino, con i genitori, tra pari; tempo che consente di dare e avere fiducia, e di valorizzare l’unicità del percorso di crescita e la diversità di ciascuno, una prospettiva che rimette al centro le relazioni come base e struttura del processo educativo.

Tante Lune è un laboratorio permanente, un luogo pensato per favorire le relazioni, il movimento e la creatività, attraverso il metodo educativo psicomotorio. Si concretizza in una pedagogia attiva che valorizza le competenze e l’unicità del bambino, prestando attenzione allo sviluppo e agli apprendimenti attraverso la mediazione corporea.

Il nostro obiettivo prioritario è promuovere una crescita armonica del bambino favorendo situazioni di benessere che predispongono all’apprendimento, ma sviluppare adeguatamente le competenze di base, acquisire padronanza di spazio, tempo, forma, linea, suono, ritmo, struttura, durante il vissuto con gli oggetti e gli altri favorirà, al momento opportuno, anche l’apprendimento di scrittura e lettura poiché tutte queste nozioni sono state integrate profondamente.

Il nostro è un approccio metodologico non anticipatorio che parte dall’esperienza che si realizza nel gioco poiché esso assolve molte funzioni (entrare in contatto con la propria fisicità, provare il rischio, sperimentare il limite, accettare regole, sviluppare forme di pensiero astratte), ma è soprattutto fonte di piacere e il piacere è alla base di ogni possibile apprendimento.

Tante Lune è un luogo caratterizzato da tempi rallentati e distesi, in cui il gioco è valorizzato come motore del processo vitale, il territorio come ricchezza e risorsa inesauribile di apprendimenti e luogo di avventura, la creatività il primo strumento per crescere e confrontarsi in modo aperto con la realtà.

Scelte organizzative

Il nostro primo parametro di valutazione della qualità del servizio è da sempre il benessere dei bambini per questo abbiamo scelto:

  • di lavorare con un gruppo di bambini limitato a 17 di cui 5/6 in età 18 – 36 mesi e 11/12 tra i 3-6 anni
  • di lavorare sempre in compresenza (il rapporto numerico educatore-bambino è inferiore anche a quello previsto per legge al nido d’infanzia)
  • di proporre un servizio più flessibile dando possibilità alle famiglie di scegliere in ingresso diverse tipologie di frequenza per una miglior conciliazione tra i tempi di lavoro e di cura
  • di avere un’impostazione flessibile del nostro lavoro realmente corrispondente ai bisogni dei bambini e delle famiglie (il nostro orario di lavoro è costruito sulle scelte dei tempi di frequenza delle famiglie, sui bisogni dei bambini e può variare anche in corso d’anno, così anche i progetti didattici si modificano in base al feedback ricevuto dai bambini)
  • di prenderci cura personalmente dei bambini , non solo della progettazione didattica, ma anche della loro persona poiché la cura non è cosa che si delega ed è la base di ogni relazione  umana
  • di prenderci cura insieme ai bambini anche dell’ambiente, trasmettendo attraverso l’esempio il valore del rispetto e della responsabilità condivisa.

 Scelte educative

Ulteriore particolarità del progetto è la nostra “attitudine psicomotoria” che ha caratterizzato gli spazi che viviamo, la scelta dei materiali, ma anche il nostro approccio educativo più attento allo sviluppo globale del bambino.

  • In questa prospettiva il gioco è a tutti gli effetti una parte rilevante del processo di crescita e di apprendimento dei bambini ed è quindi una parte importante delle attività quotidiane.
  • Il nostro primo obiettivo è accompagnare lo sviluppo dell’essere persona, incentivando l’autonomia e quindi l’autostima e la capacità di stare in relazione.
  • Il gruppo eterogeneo di bambini è risorsa e stimolo anche per lo sviluppo di qualità individuali che si arricchiscono nella relazione con l’altro diverso
  • La nostra presenza, disponibilità affettiva e anche corporea pensiamo faccia la differenza poiché nella relazione il bambino si sente sostenuto e motivato ad aprirsi all’altro e alla conoscenza del mondo
  • Il percorso di psicomotricità relazionale è parte integrante dell’offerta formativa, non per 10 incontri, ma per tutto l’anno educativo.
  • L’atelier con l’artista Luigi Berardi ci accompagna per tutto l’anno educativo ed è finalizzato a far conoscere e potenziare le diverse modalità espressive e comunicative dei bambini ma anche le loro abilità e creatività.
  • Il territorio per noi è in tutte le stagioni una grande risorsa da vivere e riscoprire ogni volta insieme ai nostri bambini sviluppando il senso di appartenenza e di cittadinanza attiva
  • La partecipazione delle famiglie è elemento imprescindibile perché il processo educativo e soprattutto il benessere del bambino è il risultato della co-costruzione di un percorso in cui ognuno ha una propria responsabilità. Per questo ci prendiamo cura anche delle famiglie pensando percorsi dedicati solo ai genitori, momenti di condivisione bambini genitori, e per questo il dialogo è sempre aperto e possibile in ogni momento dell’anno.

L’apprendimento esperienziale, la dimensione affettiva, la collaborazione, e la creatività sono tutti elementi che concorrono alla qualificazione della proposta educativa.

Scelte a sostegno della qualità del servizio

  • Le educatrici lavorano sempre in compresenza su un gruppo di massimo 17 bambini. I tempi di compresenza vengono adattati periodicamente in base ai bisogni individuali e del gruppo, questo consente di prestare più attenzione alle esigenze del singolo ma anche di poter attivare sempre un confronto sulle pratiche educative.
  • Il gruppo si avvale della supervisione di una pedagogista, un occhio esterno al servizio per  osservare, valutare e stimolare una riflessione costante sull’agito educativo, anche a prevanzione del burn out a cui questa professione è esposta .
  • Le educatrici del servizio frequentano  ogni anno corsi di alta formazione, per rinnovare e rigenerare le risorse professionali e umane messe a disposizione dei bambini e delle famiglie.
  • Oltre al lavoro con i bambini ognuno di noi è responsabile di una parte del progetto a cui dedica ore di studio, progettazione e documentazione. Il gruppo ad oggi è formato da 3 educatrici e dall’atelierista Luigi Berardi si riunisce periodicamente per confrontarsi sui percorsi, ridefinirli, integrarli anche in base al feedback ricevuto dai bambini e dalle famiglie.

Orari e modalità di frequenza

Il nostro servizio è aperto tutto l’anno ad eccezzione di giorni festivi e brevi periodi durante le festività Natalizie e Ferragosto, dal lunedì al venerdì dalle 8 alle 18.30 con la possibilità di richiedere l’anticipo alle 7.30. E’ possibile inoltre chiedere la frequenza anche il sabato mattina (il servizio sarà attivato con un minimo di 5 richieste).

Il centro non è dotato di uno spazio nanna,  per questo motivo per i bambini al di sotto dei 3 anni è prevista la frequenza part-time.

Il nostro servizio si caratterizza anche per  una flessibilità organizzativa in entrata che consente alle famiglie di iscrivere il proprio bambino o bambina per la settimana intera o solo qualche giorno alla settimana, tempo pieno o part-time, con il pasto o senza.

Tante Lune è una realtà aperta al territorio, il martedì dalle 16.45 alle 18.30 è consentita la frequenza ai genitori e alle famiglie in modalità centro giochi. Per chi proviene da altre scuole (genitori e bambini) è un’occasione per confrontarsi e scambiare esperienze in gioco. Per i bambini e le famiglie che già frequentano  il nostro servizio aprire le porte ai genitori è un modo per valorizzare il percorso e il tempo che il bambino trascorre all’interno di questo luogo, dandogli l’opportunità di condividere le sue esperienze.

“Immaginare uno spazio: il centro Tante Lune” – Rivista Infanzia 4/5 2016.